venerdì 20 settembre 2019

Vacanze Estive: Celleno Vecchia e Montefiascone

Glauco Silvestri
Siamo giunti a Ferragosto! E dove si va a Ferragosto? Noi siamo andati a caccia di un borgo fantasma. Celleno ci ha offerto questa bella opportunità, e visto che non era lontano da Viterbo, perché non andare?

IMG_4688

IMG_4694

IMG_4695

Il borgo è praticamente attaccato al paese moderno. Quando si arriva in fondo, si vedono le mura, una lunga salita da fare a piedi, e la torre del palazzo del priore. Il borgo fantasma ha una storia non dissimile da quella della Civita di Bagnoregio. Gli abitanti abbandonarono il borgo in seguito a un terremoto, e alla conseguente frana, che provocò molti - troppi - danni. La gente preferì spostarsi in un luogo più sicuro, non molto lontano dal vecchio borgo.

IMG_4705

IMG_4701

IMG_4714

Oggi parte del borgo è stata ristrutturata. C'è un piccolo museo con vecchi strumenti musicali e qualche moto d'epoca, e passeggiando per il borgo si possono vedere ricostruzioni di come viveva la popolazione a inizio secolo. Oltre a qualche installazione artistica, sono ammirabili un piccolo forno per il pane, un paio di locali in cui sono collezionati oggetti di quei tempi, e altri ambienti molto caratteristici.

IMG_4723

IMG_4724

Qui ho volato! Finalmente il mio Anafi ha potuto spianare le eliche come si deve. E non vedevo l'ora di poterlo fare in piena libertà. Il video è proprio qui sotto.


Il resto delle foto le trovate qui, nell'album flickr dedicato a questo borgo fantasma... Ma non penserete mica che abbiamo trascorso tutta la giornata in questo borgo, vero?

IMG_4757

IMG_4759

IMG_4768

Il pomeriggio lo abbiamo dedicato a Montefiascone, località nota per il vino Est Est Est, che fu bevuto persino dai papi del medioevo. Ovviamente ci siamo andati per assistere alla festa del vino... Ma poi abbiamo scoperto che i festeggiamenti sarebbero iniziati solamente alle nove e mezza di sera, per cui... Abbiamo visitato il borgo e, a una certa ora, siamo tornati a Viterbo.

IMG_4770

IMG_2509

IMG_4775

IMG_4784
Una bella veduta del lago di Bolsena dal belvedere di Montefiascone
Legenda narra che attorno all'anno 1111 Giovanni Deuc detto Defuk, alto prelato germanico amante del buon vino, incaricò il suo fedele servo Martino di cercare per lui il migliore vino del territorio. Martino partì per questa ricerca e per far capire al suo padrone che era stato in un determinato paese, e che lì vi si trovava del buon vino, scriveva sulla porta della locanda la parola Est! (n.d.r. In latino:  c'è). Defuk, passando per i paesi visitati dal servo, si fermava a bere solo dove trovava la scritta lasciata dal servo. Ebbene, a Montefiascone il servo trovò un vino talmente buono che scrisse sulla taverna Est! Est!! Est!!!. Quando Defuk assaggiò il vino di Montefiascone non poté più smettere di gustarlo così che il troppo bere lo portò alla morte. Il prelato venne sepolto nelle basilica di San Flaviano, dove ancora oggi si trova la sua tomba, e alla ricorrenza della sua morte viene versato del vino sulla sua tomba.

IMG_4789
Un monumento ai pellegrini della via Francigena. Montefiascone è la centesima tappa di questo pellegrinaggio.

IMG_4800

IMG_4805

Voi non ci crederete, ma chi ama il vino probabilmente lo sa, il vino Est Est Est viene ancora prodotto, e ovviamente ha origine proprio a Montefiascone... E ovviamente, mentre eravamo a pranzo, non abbiamo potuto evitare di provarlo.

Nel caso voleste visitare questi posti meravigliosi, su Booking potete ottenere il 10% di sconto partendo da questo link. Non dite che non penso anche a voi, eh?

Qui termina l'escursione di oggi. Spero vi siate divertiti. Potete trovare il link all'album di Montefiascone cliccando qui. Buona visione e... Alla prossima puntata.





Scopri i miei ebook cliccando QUI





About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')