giovedì 9 aprile 2020

The Irishman - #Film #Recensione

Glauco Silvestri
L'ho perso al cinema... Per cui ho dovuto recuperarlo più tardi, grazie alle piattaforme digitali, in questo caso Netflix, per vedere The Irishman.

Grande Cast:
Al Pacino, Robert de Niro, Joe Pesci.
Grande Regia:
Martin Scorzese.
Grande Durata:
Tre ore e ventinove minuti!

Bel mattonazzo dedicato a un pezzo di storia americana. Tratto dall'omonimo libro, ripercorriamo le vicende della famiglia Bufalino attraverso la memoria del sicario Frank Sheeran. Lui, autista di camion,  detto l'irlandese, entra in contatto con la famiglia di Rudy Giuliani quasi per caso, e confessa in punto di morte, al giornalista Charles Brandt, tutti i suoi crimini. Al centro di tutto c'è Jimmy Hoffa, leggendario leader sindacale, talmente potente da essere entrato in contatto con le più importanti famiglie mafiose e le più alte cariche dello stato, e grande amico dello stesso Sheeran. La vicenda di Hoffa orbita attorno a tutta la narrazione, ne racconta la storia, l'ascesa, e la caduta. E di contorno avremo i Kennedy, e i rapporti tra le varie cosche americane, gli omicidi, ma anche la difficile vita del sicario, le cui figlie non hanno mai perdonato le sue assenze, e soprattutto, la sua attività.

Film delicato e allo stesso tempo potente. La narrazione è molto personale, sempre legata alle vicende di Frank Sheeran, e alle sue amicizie. La storia gli passa accanto, anche se lui stesso ne è protagonista. La fotografia, l'occhio di un regista di mestiere come Scorzese, fanno di questo film una sorta di documentario, di elemento narrativo di una storia macchiata di sangue, di un pezzo di storia degli Stati Uniti. Ottimi Pacino e De Niro, ovvio, ed eccezionale Joe Pesci. Il ritmo della pellicola non è sicuramente veloce, bensì riflessiva, un po' come erano i ritmi della vita dell'epoca.

Bello... Lunghetto, eh... Ma molto bello!




Scopri i miei ebook cliccando QUI




mercoledì 8 aprile 2020

Zombieland Doppio Colpo - #Film #Recensione

Glauco Silvestri
Che Delusione! Zombieland Doppio Colpo è un film privo di idee e pieno di cliché, nonché di déjà vu, che cerca di arrivare ai titoli di coda portando a casa il risultato.

Ammetto che me lo aspettavo... 

Il primo film era stato geniale, diverso, irriverente, divertente, con azione allo stato puro, e persino qualche momento in cui si poteva anche saltare dalla sedia. 

Il secondo è invece... Imbarazzante.

Sono trascorsi dieci - dico dieci - anni da quando Columbus, Tallahassee, Wichita e Little Rock si sono incontrati. Little Rock ha ora 18 anni! Vivono tutti e quattro alla Casa Bianca, un posto relativamente sicuro, ma là fuori gli zombie si sono evoluti. Alcuni sono intelligenti, altri sono inarrestabili. A ogni modo tutto pare andare avanti come sempre, per lo meno fino a che Little Rock non ne ha abbastanza, ha bisogno di nuovi stimoli, e Wichita... be', lei si trova alle strette quando Columbus gli chiede di sposarla! Le due ragazze partono senza dire nulla, e i due uomini continuano la propria vita per un altro mese, ovviamente rimuginando di continuo su quanto successo... Fintanto che non incontrano una nuova ragazza, svampita, che per tutto il tempo ha vissuto in un centro commerciale, rifugiandosi nelle celle frigorifere nei momenti peggiori. Nello stesso momento ricompare Wichita, passata per prendere armi, e per... Reclutare i vecchi amici e andare a cercare Little Rock, che infatuatasi di un Hippy incontrato per strada, ha lasciato la sorella di punto in bianco per dirigersi verso una sorta di paradiso terrestre chiamato Babilonia!

Cosa non mi è piaciuto: Il personaggio della bionda svampita, davvero fuori luogo e inconsistente per la trama raffazzonata del film; i due 'sosia' spacconi, che compaiono a metà film, fanno qualche battuta per nulla divertente, poi vengono morsi e spariscono dalla vicenda; Babilonia, che mi ha ricordato - in peggio - World War Z e Attack the Block.

Cosa mi è piaciuto? Il film comunque scorre bene, e finisce velocemente, senza troppi danni. 

Amerò sempre Benvenuti a Zombieland. Ma questo sequel è bocciato su tutta la linea.


Corri subito QUI, e potrai vedere questo e altro su Amazon Prime Video. Funziona su ogni dispositivo, e ovviamente anche sulla Amazon Fire Tv Stick, ora disponibile anche in 4K.

Scopri i miei ebook cliccando QUI





OUTDOOR EXPERIENCE: Verso l'Abazia di Monteveglio (Con FIMI PALM e PANAS...

Glauco Silvestri
Oggi vi propongo una passeggiata outdoor fatta durante la pausa pranzo, quando ancora non vigeva la quarantena dovuta al COVID-19. Il video è girato nella località in cui lavoro, tramite Fimi Palm. Faccio anche qualche test della Panasonic FZ300.

Buona visione.





Non dimenticate di iscrivervi al mio canale Youtube, se vi piacciono i miei contenuti, ovviamente!




Scopri i miei ebook cliccando QUI











martedì 7 aprile 2020

La prima risata insieme

Glauco Silvestri
La prima risata insieme è un momento importante.



Scopri i miei ebook cliccando QUI




Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')