lunedì 7 giugno 2021

Oliveto

Glauco Silvestri
Piccolo borgo sorgente sul monte omonimo, Oliveto è un luogo che da tempo volevo documentare su questo blog. Ho colto l'occasione di una mezza giornata libera per recarmi lì, scattare qualche foto, esplorarlo, e farci un voletto col drone.



Oliveto ha una storia lunga, per lo più legata al comune di Bologna, al quale fu accorpato attorno all'anno 1400. 




I suoi punti più salienti sono il campanile del 700, oggi affiancato a una chiesa particolare e priva di facciata, la Casa Grande dell'Ebreo, testimonianza della presenza ebraica nel territorio e banca dell'epoca per gestire gli scambi commerciali della zona, e infine la Bronzina, affascinante costruzione che fu una casa 'vacanze' per i grandi di Spagna, lazzaretto in epoca delle terribili pandemie di peste, e infine - attività da cui prende il nome - fonderia per la lavorazione del bronzo.





Il nome del paese arriva dalla coltivazione degli ulivi, di cui il colle era pieno, fino a una terribile epidemia di una malattia delle piante che le decimò al punto da non rendere più conveniente la ricostruzione delle piantagioni.




In origine, però il paese aveva il nome di Casale Sociorum, che divenne poi Casale Sociolo,  poi Sociolo, e mutare in seguito in Soziore, fino a Stiore... Nome del paese che oggi sorge alla base del colle ove invece è presente Oliveto.



Le foto sono state scattate con il mio iPhone, mentre le riprese aeree sono state fatte con il piccolo DJI Mavic Mini.




Scopri i miei ebook cliccando QUI





venerdì 4 giugno 2021

Da Casale California a Piumazzo... Qualche foto!

Glauco Silvestri
Ieri... Be', tutti i programmi in origine sono saltati, per cui si siamo dedicati a un giro fuori porta molto easy, e molto vicino a casa. 
Prima tappa Casale California... Poco più di un aggregato di case una attaccata all'altra, sito a mezza via tra Bazzano e Piumazzo. 


La peculiarità di questo posto è che un tempo si chiamava semplicemente California... Ma di recente - narra una legenda metropolitana - si è deciso di cambiarne la toponomastica in Casale California per via dei continui furti dei cartelli di località... Spese di cui il piccolo paese non era più in grado di farsi carico, per cui il cambio di nome!
Ma sul suo nome in origine, be', c'è un'altra storia da raccontare, e arriva dai primi del dopoguerra, quando tutti sognavano l'America, e volevano fuggire lì per fare fortuna. Ebbene, nelle terre attorno a Piumazzo c'era bisogno di manodopera, e ci fu una vera e propria 'tratta degli ingenui'. Fu creato dal nulla questo piccolo borgo, praticamente solo alloggi per i braccianti più una locanda per far sì che la sera andassero a sperperare i loro miseri guadagni, e ad annegare nei fumi dell'alcool tutti i loro sogni di 'fuga'. Ma come arrivavano, in questo luogo che fu chiamato appositamente 'California', questi ingenui braccianti? Ebbene, personaggi privi di scrupoli, praticamente briganti, convincevano i contadini più ingenui che pagando una lauta cifra (piuttosto salata, di solito cedevano tutti i loro averi), li avrebbero condotti 'a' California!



Il giro è poi proseguito nella vicina Piumazzo. Un tempo castello a difesa del territorio, oggi piccolo paese che 'conosco bene' per via di una Discoteca che frequentavo, e che oggi sta cadendo in malora... (sigh!). Ebbene, dell'antico castello è rimasto poco: La torre con orologio e porta di accesso della fortificazione, all'ingresso del centro storico, e una seconda torre, in condizioni non proprio perfette, sull'altro lato del centro. 





E al centro 'del centro', scusate il gioco di parole, c'è una bella chiesa, dedicata a San Giacomo, costruita nell'anno 1000 (più o meno) in stile romanico, sui resti della precedente struttura religiosa che se non erro era addirittura del 300.










Visto che il nostro giro è stata una sorta di improvvisata, tutte le foto sono state scattate con il mio iPhone.






Scopri i miei ebook cliccando QUI





lunedì 31 maggio 2021

Percorso CAI 904 (più o meno) - Eremo di Ronzano

Glauco Silvestri
Finalmente sono riuscito a fare il percorso CAI 904... Ehm... No! O forse Si! Beh... No! O per lo meno, solo in parte, e a pezzi. Visto che ho fatto parte del percorso passando da Villa Ghigi (n.d.r. Che è in mezzo al verde, piuttosto che fare via dell'Osservanza, splendida, ma in totale ambiente urbano). 








E visto che con l'appuntamento di oggi siamo stati in auto all'Eremo di Ronzano, e poi siamo scesi a piedi fino a Villa Ghigi. Abbiamo fatto anche una via crucis molto easy... Non come la temibilissima di Via dell'Osservanza, che ha una pendenza degna di una ferrata sulle Dolomiti.













E poi ci siamo goduti una vista splendida sul Santuario della Madonna di San Luca.






E infine siamo arrivati al parco... Abbiamo lasciato libero Sansone, che ha giocato e scavato, e abbaiato ad alcuni ragazzi che se ne stavano beati a prendere il sole... 








Giunto il momento del ritorno... La salita... E di nuovo l'Eremo, che non vi ho detto, fu luogo apprezzato dal Carducci, e sorge su un colle più alto del Colle della Guardia, anche se per solo 4 metri di differenza.







Ma non abbiamo mica finito col percorso CAI 904, eh? In una prossima occasione dovremo raggiungere la chiesa di San Michele di Gaibola, di origine longobarda... Ma sarà per la prossima volta, e magari faremo tutto il percorso in un colpo solo, chissà!



Vi lascio quindi con il video dell'occasione, girato col piccolo irriducibile Mavic Mini. Mentre le foto, come sempre, sono state scattate con la TZ90.





Scopri i miei ebook cliccando QUI






Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')