domenica 15 settembre 2019

Vacanze Estive: Il lago di Bolsena

Glauco Silvestri
Sul Lago di Bolsena ci siamo stati due giorni. E' un lago di origine vulcanica, e se non ricordo male è il più grande della regione, e uno dei più grandi d'Italia. In effetti ha persino due isole... Dei due giorni trascorsi sul lago, uno l'abbiamo dedicato a visitare Bolsena, e l'altro per rilassarci un po' prima di lasciare il Lazio, a Marta.

Bolsena è un luogo affascinante. Se il lungo lago somiglia a una riviera marittima, con locali, passeggiate, spiagge, bar, piazzette con la musica, ed è un vero e proprio punto di ritrovo estivo, il centro città ha l'aspetto tipico di un borgo medievale, con le mura, i vicoli stretti, la rocca difensiva, eccetera eccetera.

IMG_4558-1

IMG_4562

IMG_4569

IMG_4579

La nostra permanenza si è dovuta quindi dividere in due fasi, quella di distensione e rilassamento sul lungo lago, con tanto di pranzo a base di pesce, e quella turistica, muniti di tutto punto per ammirare ogni angolo nascosto del borgo storico della città.
IMG_4574

IMG_4589

IMG_4588

IMG_4582

IMG_4602

Qui trovate l'album flickr dedicato a questa città dai due volti. 

Per quanto riguarda Marta, il luogo è più tranquillo, meno turistico, anche se il lungo lago è comunque accogliente e ricco di attrattiva, specie il porto dei pescatori.

IMG_4890-1

IMG_4896

IMG_4906

IMG_4911

IMG_4918

E anche qui c'è un centro storico interessante, che si inerpica fino a una torre con l'orologio, che se non ricordo male, un tempo faceva parte delle mura difensive della città.

IMG_4927

IMG_4928

IMG_4938

Qui trovate il link all'album dedicato a Marta. Il lago di Bolsena è davvero un luogo incantevole, e un ambiente molto differente rispetto tutto quanto altro abbiamo visto durante il nostro viaggio nell'alto Lazio. Merita davvero una visita, e ve lo consiglio vivamente.

Ci vediamo alla prossima puntata per... Non vi svelo nulla, è una vera chicca!



Scopri i miei ebook cliccando QUI





sabato 14 settembre 2019

Il Mistero delle tre Querce - #Libri #Recensione

Glauco Silvestri
A volte capita che trovi un libro per strada. A volte capita che questo libro faccia parte di una catena di book crossing. Lo prendi, lo leggi, e poi lo lasci per strada di nuovo, ricordandoti però di andare a scrivere sul sito indicato nel libro poche informazioni fondamentali, ovvero che l'hai raccolto in un determinato posto, che l'hai letto, e che lo hai lasciato in un altro posto.

Nel mio caso, il libro in questione è una edizione del 1991 de Il Mistero delle tre Querce, di Edgar Wallace che...

Ma, un momento: Edgar Wallace è un nome che vi dice qualcosa, vero? Però lo ricordate legato a un romanzo - per la verità una sceneggiatura - che non è un giallo... Bé, Sì! E' Proprio lui! L'autore della sceneggiatura originale di King Kong. Fu il suo ultimo lavoro prima di abbandonare questo mesto pianeta, e non riuscì neppure a vedere il film, perché se ne andò prima che fosse ultimato (n.d.r. Wallace morì nel febbraio del 1932, King Kong uscì nelle sale solamente nel 1933).

Edgar Wallace fu uno degli autori più prolifici di romanzi gialli. Assieme ad Agatha Christie e a Conan Doyle. Scrisse 175 romanzi, 24 drammi e numerosi articoli giornalistici. Oltre 160 film hanno preso spunto dalle sue storie. Era un personaggio particolarmente nervoso, gran fumatore, e - a differenza di altri scrittori di gialli - i suoi racconti, pur avendo spesso il medesimo protagonista, erano completamente scollegati tra loro. Fu, inoltre, il primo scrittore di gialli che scelse come protagonisti dei detective della polizia, e non degli investigatori 'dilettanti'.

Ma di cosa parla Il mistero delle tre Querce? La vicenda è ambientata nelle campagne inglesi, dove i due cari amici John Mandle, ispettore si Scotland Yard in pensione, e Robert Stone, detective di Scotland Yard - sempre in pensione - vivono la loro vita lontano dal crimine, godendo di una fortunosa rendita ottenuta giocando in borsa. Mandle vive con la figlia Molly, e all'improvviso, dopo un periodo di lungo silenzio, invita un vecchio amico, il brillante Socrates Smith, anche lui ex investigatore, e ora antropologo, ad andarlo a trovare.
Socrates si presenta alla villa dell'amico con il giovane fratello Lex, ma la visita di cortesia si trasforma in una vicenda tenebrosa. A poca distanza da Mandle vive un certo Jetherho, scrittore di articoli scientifici, giunto di recente dopo molti viaggi all'estero, e il vecchio Mandle sembra spaventato, terribilmente spaventato. La sua villa è piena di congegni anti intrusione, tratta male la figliastra, che invece prova una naturale simpatia per Jetherho, ed è diffidente persino con il vecchio amico Bob, ovvero Robert Stone.
I timori di Mandle si dimostrano corretti, tanto che, poco dopo l'arrivo di Socrates, Mandle viene trovato morto appeso a un albero.
Le indagini sono complesse, e sembrano ruotare attorno allo strano legame tra la giovane Molly, che nel frattempo si infatua di Lex, Jetherho, e di Stone. La ragazza, a sua insaputa, si trova al centro di un triangolo amoroso da lei mai desiderato. Ma questo triangolo non pare essere il motivo per cui Mandle è stato ucciso. Nel passato di Jetherho si nasconde qualcosa, così come nel passato di Mandle e Stone... Ma di più non posso raccontare.

E' tanto tempo che non leggo gialli. Non ne sono mai stato un divoratore, devo ammettere che ho sempre preferito i Thriller, sia per il loro ritmo più incalzante, sia perché la loro struttura è più onesta con il lettore. Nella lettura dei gialli, specie quelli di Conan Doyle, ho sempre avuto la sensazione che lo scrittore tenesse qualcosa per sé, che non fosse onesto con il lettore, che non raccontasse tutto quanto per poter permettere al suo personaggio di chiudere la vicenda con un bel colpo di scena. E poi non amo gli spiegoni finali, cosa che spesso avviene nei gialli. Il Thriller è un format in cui il lettore è immerso nella vicenda, spesso con gli occhi rivolti sull'assassino più che sull'investigatore, e sa tutto, ma viene comunque sorpreso sul finale perché gli eventi convergono quasi sempre dove lui non si aspetta. E nel mezzo tra le due tipologie c'è il Noir, romanzi capaci di attrarre sia i lettori della prima tipologia di romanzi, sia quelli della seconda, perché - pur avendo una narrazione più lenta - hanno ambientazioni cupe e peccaminose, spesso controverse, e mostrano il lato oscuro di ciò che solitamente è rappresentato come limpido.

A ogni modo, pur avendo intuito chi potesse essere il colpevole - questo giallo è stato scritto nel 1924, e pur avendo molti elementi che distraggono l'attenzione del lettore, ha comunque una struttura riconoscibile ai lettori forti - la narrazione è coinvolgente e intrigante. I personaggi sono ben costruiti e hanno un discreto spessore. Anche i comprimari, per quando a malapena tratteggiati, hanno il loro contegno. Lo stile narrativo è piacevolissimo nonostante l'età del testo, e bisogna fare i complimenti a Fiorello per la traduzione davvero ben fatta. Il ritmo non è male, e accadono parecchi fatti 'strani' che vanno ricollegati. Wallace è bravo in tutto ciò. Fornisce gli indizi del caso e non tiene qualcosa per sé, da mostrare con un colpo di scena. Tutt'altro. Saranno i colpevoli a svelarsi da soli per... paura? La vita isolata nelle campagne e le coscienze sporche fanno brutti scherzi.
Ho avuto difficoltà solo nelle ultime pagine, a indagine finita, quando i dettagli vengono chiariti, quando tutto salta agl'occhi di tutti, e l'autore si prende la briga di spiegare in modo molto approfondito perché tutto ha avuto inizio, eccetera eccetera... Insomma, lo spiegone di cui parlavo prima!

Si legge volentieri, come dicevo, ed è un giallo che intriga. Per chi ama il genere, consiglio l'autore. Merita attenzione!


Scopri i miei ebook cliccando QUI




venerdì 13 settembre 2019

Vacanze Estive: Vitorchiano

Glauco Silvestri
Per chi, come me, ricorda con affetto l'Armata Brancaleone, la visita al borgo di Vitorchiano è un must imprescindibile.

IMG_4506

IMG_4514

IMG_4504

IMG_4507

Il borgo, come molti altri nella Tuscia, si erge su un colle di Tufo, ed è connesso al mondo moderno da una sola strada, che conduce alla Vitorchiano moderna. Ma è la parte antica che ci interessa, e bisogna ammettere che si tratta di un borgo medievale dal grande fascino, che si visita in un'oretta comoda, e che offre tanti scorci interessanti, oltre a un percorso a piedi che consente di ripercorrere il cammino dell'armata quando entra in città

IMG_4516

IMG_4518

IMG_4527

Sarebbe stato bello offrirvi una bella visione della città con gli occhi del mio Parrot Anafi, ma ahimè quel giorno non avevo avuto il senno di portarmelo dietro, visto che in giornata avevamo programmato come visita principale il parco dei mostri di Bomarzo... E' stato davvero un peccato non poter volare attorno a questo piccolo borgo.

IMG_4548

IMG_4539

IMG_4555

A ogni modo le foto non mentono. Gli angoli affascinanti sono tanti, e affascinanti sono le pareti naturali che sorreggono il paese... 

IMG_4524
E' da qui che l'Armata Brancaleone entra in città...


IMG_4544

Vitorchiano va visitata anche per un altro motivo... Un motivo che giunge da molto lontano, dall'Isola di Pasqua e che pochi conoscono. Qui a Vitorchiano sorge un Moai originale, l'unico Moai fuori dall'Isola di Pasqua, costruito di recente, nel 1990, da undici indigeni Maori invitati dalla RAI per la trasmissione 'Alla ricerca dell'Arca', in occasione di un gemellaggio culturale per la salvaguardia dei Moai dell'Isola di Pasqua, che lentamente si stanno rovinando a causa degli eventi atmosferici. 
Il Moai fu costruito a Vitorchiano perché qui fu trovata una pietra molto simile a quelle delle cave dell'Isola di Pasqua. Fu realizzato manualmente, con asce e pietre taglienti, proprio come vennero realizzati i Moai originali.

IMG_2270

Come spiegarono i Maori durante la trasmissione, il Moai è una scultura sacra: porta prosperità al luogo che osserva, a patto che non venga mai spostato. Se viene mosso dal punto in cui viene scolpito, provoca grandi sciagure. L'unico vero peccato è che questo Moai è stato realizzato in un'area sosta per i Camper. Va be'!

Qui trovate il mio album flickr con le foto scattate a Vitorchiano. Buona visione e... Alla prossima puntata.



Scopri i miei ebook cliccando QUI




giovedì 12 settembre 2019

Vacanze Estive: Il parco dei mostri di Bomarzo

Glauco Silvestri
Prima escursione fuori porta? Il parco dei mostri di Bomarzo. Non è molto distante dalla città di Viterbo, e merita assolutamente di essere visitato. Risale alla metà del cinquecento, quando il proprietario delle terre in cui sorge oggi il parco, il principe Pier Francesco Orsini, volle creare un parco da dedicare alla moglie - che chiamò Sacro Bosco - in cui sarebbero state riprodotte, scolpite nella roccia, figure mitologiche, strutture surreali, e architetture impossibili. 

IMG_4416

IMG_4419

IMG_4438

IMG_4445

Le rocce utilizzate per la realizzazione delle opere erano già presenti nel terreno del parco, emerse dal sottosuolo per via di smottamenti, frane, e terremoti. Per il principe fu quindi un gioco da ragazzi creare un percorso attraverso queste rocce, e creare una sorta di enigma da risolvere, percorrendo e ammirando le creazioni volute per il parco.

IMG_4447


IMG_4460


IMG_4469


IMG_4470

I mostri, in effetti, hanno tutti delle scritte. Dei messaggi da comprendere, interpretare, e collegare l'uno con l'altro. Il visitatore è libero di muoversi come desidera all'interno del parco, ma alla biglietteria viene comunque fornita una mappa con le indicazioni da seguire per compiere il percorso pensato in origine.

IMG_4472

IMG_4474

IMG_4483

IMG_4498

IMG_4425

E' un viaggio davvero affascinante. A seconda di quanto vi lasciate trasportare, il parco è visitabile in un tempo che varia tra l'oretta scarsa e le due, tre ore abbondanti. Ovviamente ci sono aree attrezzate per i picnic, aree verdi dove potersi rilassare, e anche un piccolo bar all'interno della struttura in cui si fanno i biglietti.

Qui trovate il mio album dedicato a Bomarzo... La prossima puntata vi parlerà di un altro bel luogo dove si possono ammirare oggetti inaspettati.




Scopri i miei ebook cliccando QUI




mercoledì 11 settembre 2019

#Domoticz (Indice degli Argomenti) - #Corso #Domotica #Homebridge

Glauco Silvestri
Su questo blog ho già affrontato diverse volte l'argomento Domotica. Un argomento un po' particolare in quanto - spesso - si ritiene che gli apparecchi legati a questo settore siano un qualcosa da 'viziati', o da 'tipi strani'. In effetti devo ammettere che anche io mi trovo un po' a disagio quando interpello Siri, e soprattutto, ancora sorrido quando vedo i tecnici, qui in ditta, che litigano con
Alexa, con Google, eccetera eccetera, per far fare interagire questi assistenti personali con i dispositivi che stiamo sviluppando. Eppure è in questa direzione che va il mondo, e probabilmente, un giorno, saremo talmente abituati a parlare con gli oggetti che... Che non ci faremo neppure più caso.

Oggi, la domotica, è ovviamente qualcosa di diverso. E io stesso, pur avendo qualche dispositivo di questo tipo, interagisco con esso più facilmente premendo tasti, o attraverso l'iPhone, o il Mac, o ancora l'iPad, ovviamente alla AppleTv che funge da hub, per ottenere ciò che mi serve. Ogni tanto chiedo a Siri qualcosa, ma in generale, un bel bottone fisico fa ancora la differenza!

Ciò non toglie che ci siano dispositivi interessanti che possono semplificare la vita, o per lo meno, ridurre l'ansia quando siamo fuori casa.
Non mi dilungherò ancora al riguardo perché ne ho già parlato in passato, e alla fine già lo sapete, che tutto questo discorso vi conduce a passi decisi verso Domoticz, e il breve corso che ho voluto pubblicare su questo blog, per far sì che tutti riescano a ottenere risultati senza timori.

Eccovi quindi l'elenco degli argomenti affrontati:
  1. Oltre Homebridge: Vi presento Domoticz
  2. Installiamo Domoticz sul nostro Raspberry Pi (Parte 1)
  3. Installiamo Domoticz sul nostro Raspberry Pi (Parte 2)
  4. Installiamo Homebridge per unire Domoticz a Apple Home
  5. Registriamo i nostri sensori su Domoticz
  6. USB Persistente
  7. Configurazione e Notifiche
  8. La salute del Raspberry
  9. La salute dei nostri sensori: Controlliamo le Batterie
  10. Il Meteo di Casa nostra
  11. Un allarme fatto in casa
  12. Accedere a Distanza
  13. Domoticz, Tutti gli argomenti affrontati (Bibliografia)
Buon Lavoro!



Scopri i miei ebook cliccando QUI




martedì 10 settembre 2019

La strada più breve per la vostra camera da letto?

Glauco Silvestri
«Ditemi, ma petite minette… qual è la strada più breve per la vostra camera da letto?»  «Attraverso la chiesa, dopo il matrimonio»


Gli Dei di Mosca (Vaporteppa) (Italian Edition) (Swanwick, Michael)



Scopri i miei ebook cliccando QUI





lunedì 9 settembre 2019

Anche a fine estate, leggi un #ebook

Glauco Silvestri
Clicca sull'immagine per scoprire gli ebook



Scopri i miei ebook cliccando QUI.
Il mio Sito / Su Amazon / Su Flickr / Su Facebook / Su Twitter / Su Google+

Consigli per gli acquisti: Strumenti Musicali / Hi-Fi / Kindle Touch / Kindle Fire / Amazon BuyVip
...e con Amazon Prime la spedizione veloce è gratis!


domenica 8 settembre 2019

Vacanze Estive: Viterbo

Glauco Silvestri
Eccoci al cambio di baricentro. Da Perugia ci spostiamo a Viterbo, la vecchia urbe latina farà da punto di riferimento per le nostre zingarate fuori città, e non solo. In questo caso abbiamo scelto un piccolo hotel dentro il centro storico, buon prezzo, personale cordiale, stanze forse più adatte a una toccata e fuga che a un soggiorno lungo, ma con il garage dove mettere l'auto, quindi strategico.

IMG_4324

IMG_4335

La città ha storia da vendere, per cui, non appena messo piede nel nostro alloggio, liberatici dalle valigie, ci siamo subito messi in cammino per visitare i punti salienti del centro storico. Corso Italia è la via da percorrere: Pedonale in determinate fasce orarie, la via consente di raggiungere Piazza delle Erbe, con la sua bella fontana; Piazza del Plebiscito, enorme, con palazzi imponenti, e un bel terrazzo che si affaccia al resto della città; Piazza della Morte, con un'altra bella fontana, tanti locali, e l'accesso ai sotterranei della città.

IMG_4329

IMG_4332

IMG_4336

IMG_4358

IMG_4352

IMG_4342

IMG_4378

IMG_4372

IMG_4377

Lungo il cammino troverete testimonianze provenienti dal cinema italiano. Qui son state girate delle scene de I Vitelloni, o più di recente, scene della serie televisiva Il Maresciallo Rocca. Troverete foto negli angoli immortalati dal cinema, e un breve testo a raccontare cosa avvenne durante le ricerche. E' un qualcosa di già visto - se avete seguito le precedenti 'puntate' delle mie Vacanze Estive - e di divertente da seguire e trovare.
Tornando invece a noi, dalla Piazza della Morte il percorso si biforca. Da un lato si va nel borgo medievale, una zona davvero carina, caratteristica, anche qui ricca di locali dove poter trascorrere la serata, e cenare. Dall'altro si va al Palazzo dei Papi, e al Duomo, nonché Cattedrale, dedicata a San Lorenzo.

IMG_4384

IMG_4385

IMG_4397

IMG_2423

IMG_2428

Diciamolo subito così ci togliamo il sassolino dalla scarpa: Non siamo andati a vedere il Palazzo dei Papi, e neppure il Duomo, visto che l'ingresso era a pagamento. L'idea c'era... L'ultimo giorno di permanenza in città doveva essere dedicato ai musei cittadini, ma poi i programmi sono cambiati perché... Nella Tuscia c'è davvero tanto, tanto, tanto da vedere. E l'ultimo giorno eravamo stanchi, così abbiamo optato per una escursione meno impegnativa per la mente.

IMG_4399

IMG_4400

IMG_4408

IMG_4412

In compenso abbiamo esplorato la zona medievale, e i tanti locali della città, e di avventure ce ne sono capitate tante, a partire dalla pizzeria senza il pizzaiolo perché ha abbandonato il locale dopo una discussione con la padrona, al locale in cui non si riesce a mangiare perché c'è chi ha preso una sorta di formula All You Can Eat e la cucina è imballata nel tentativo soddisfare i loro appetiti, a quello dove il proprietario minaccia per telefono il cuoco di 'venire lì a tagliare di persona degli affettati' perché questo non li ha ancora fatti, e a un tavolo all'aperto ci sono dei bambini che piangono perché hanno il piatto vuoto. Questo è il Lazio... O meglio è la Tuscia, dove comunque tutti sono cordiali, disponibili, gentili e pazienti; dove ci si dimentica un po' della polvere sui pavimenti, e delle cacche di piccione, e dei cumuli - agli angoli delle strade - di sacchettini di plastica con le cacche dei cani dentro. Va be'. Se all'inizio si rimane un po' sorpresi, poi si entra nel personaggio e Viterbo diventa una città divertente da vivere, specie la sera, e un po' ci si dispiace quando si deve lasciare la città, ma di questo ne parleremo più avanti. Che siamo appena arrivati.

Per vedere l'album fotografico dedicato a Viterbo cliccate qui. Buona visione e, alla prossima puntata.



Scopri i miei ebook cliccando QUI




Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')