mercoledì 9 settembre 2020

Fiumalbo

Glauco Silvestri
Proseguo con la narrazione - in ordine sparso - delle mie vacanze sugli appennini modenesi, e nel dettaglio, nel Parco Naturale del Frignano. In questa occasione vi porto un po' fuori dall'orbita di Sestola, e andiamo a Pievepelago, paese che conosco per tanti motivi, se non anche per il Ponte della Fola (n.d.r. Che in questa occasione abbiamo visto solo di sfuggita...).



La nostra meta è Fiumalbo. Si tratta di un borgo affascinante sito nel punto di confluenza di due fiumi, il Rio Le Motte e il Rio dell'Acquicciola. Questi due corsi d'acqua confluiscono nello Scoltenna, che poi va ad alimentare il Leo.





Due fiumi con l'abitato in mezzo. Un borgo di origini medievali piuttosto affascinante, con ponti su entrambi i lati, il rumore dell'acqua sempre ad accompagnare ogni passo, una bella piazzetta...





E il giorno in cui siamo venuti a visitare Fiumalbo c'era pure il mercato... Che in quelle vie strette, forse non ci ha facilitato il desiderio di visitare l'ambiente, specie a causa del Covid e della poca lungimiranza delle persone che frequentava il mercato (n.d.r. Di mascherine poche, e di queste altrettanto poche indossate come si deve...).




Usciti dal caos del mercato, siamo andati a vedere la Rocca che domina il paese. Abbiamo cercato inutilmente di salire... Difatti abbiamo scoperto che oggi è una sorta di 'villa' affittabile per le vacanze, basta rivolgersi all'agenzia in piazza al paese.


Si tratta comunque di una struttura interessante, eretta su una fortificazione a gradoni, con una bella Torre che si affaccia sul borgo.



Come al solito, le foto sono state realizzate con la FZ300, e il video della torre con il Parrot Anafi.

Maggiori info: qui e qui.




Scopri i miei ebook cliccando QUI





About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')