domenica 26 maggio 2019

Il Lago Maggiore (Parte 2) - #Fotografia #Viaggi

Glauco Silvestri
Eccoci al secondo giorno sul Lago Maggiore. Piove, tanto per cambiare, e in programma abbiamo una visita su Isola Bella, e nel pomeriggio Verbania (n.d.r. Soprattutto il Giardino Botanico di Villa Taranto). Ci riusciremo? Il tempo non è dei migliori ma ci si può provare, no?

Prendiamo il Battello, e in men che non si dica eccoci sull'isola Borromea più famosa, quella che ospitò per una notte Napoleone Bonaparte, quella che si vede dal lungo lago di Stresa (n.d.r. Ricordate?) e... La pioggia peggiora.

Ombrelli

La breve passeggiata tra i vicoli del porticciolo ci porta subito all'ingresso del palazzo.

Verso il Palazzo Borromeo

Una costruzione imponente, realizzata pensando all'isola come a una sorta di nave da crociera, con a prua il palazzo, e a poppa il giardino. Prima di entrare tentiamo qualche scatto a prua, ehm, sulla punta dell'isola, quella che guarda l'Isola dei Pescatori. Ma è una impresa titanica, ve lo confesso, tanto che io e la mia compagna dobbiamo alternarci a tenere l'ombrello mentre l'altro scatta.

Guardando l'isola dei pescatori

Dopo la pioggia

A ogni modo anche il mal tempo offre spunti interessanti, così qualche foto carina riusciamo a portarla a casa.
Quando però il tempo diventa davvero cattivo, con addirittura grandine e vento forte, decidiamo di entrare a palazzo. Paghiamo il biglietto, e ci perdiamo in questa meraviglia dove, tra le altre cose, ha pranzato anche Lady D.

Quadri

Il Trono

La visita è affascinante, tra sale dedicate alle arti, camere da letto completamente arredate (n.d.r. Compresa quella in cui dormì Napoleone), e sotterranei realizzati con conchiglie, coralli, e ciottoli, e ancora la sala dei giochi, e ancora e ancora e ancora... Non c'è mai stata fine alla meraviglia.

Il Salotto

Sotterranei

Alla fine siamo rimasti al coperto fintanto che la tempesta ha infuriato. E' stato piacevole e istruttivo, ma poi eccolo, il lungo corridoio che porta all'esterno... E vi confesso che questo corridoio non è stato ammirato come si doveva, perché tanta era la voglia di uscire che...

Red and Blue

Ma fuori spiovicchia ancora, anche se in lontananza c'è qualche scampolo di sole. Speriamo bene. Usciamo. Facciamo qualche foto, sempre sotto l'ombrello, o accettando qualche goccia di pioggia addosso. Poi il vento, e infine le nuvole si diradano.
Che spettacolo!

Portrait

Gocce e Tulipani

Persino i pavoni escono dai cespugli in cui si riparavano per stendere le penne al sole, e al vento, così da asciugarle.

Tulipani

Incanto

Falling Water

E' il momento buono per godersi il giardino. Visto il brutto tempo della mattina, ci sono pochi turisti, e fare foto è un vero piacere. Rimaniamo ad ammirare questo giardino, tra tulipani, pavoni, papere, pappagalli, fiori di ogni tipo, le fontane, l'arte, gli alberi di limone... Non ci accorgiamo proprio che il tempo scorre, e solo la fame ci fa notare che si è fatta una certa ora... Anzi! Abbiamo proprio sforato con i nostri progetti. Difficile che riusciremo a vedere Villa Taranto.

Oltre l'orizzonte

Pappagalli

Sedia

Nuvole

Avendo già il biglietto per il battello, a Verbania ci siamo andati ugualmente, ovviamente dopo aver pranzato in riva al lago, sull'isola, ma siamo stanchi, il clima ci ha davvero spossati, e son già passate le quattro del pomeriggio. Per quanto il sole cali tardi la sera, non ce la facciamo proprio ad affrontare un secondo giardino botanico.

Cigni e Piccioni

Statua

Per cui facciamo quattro passi lungo il lago. Peccato che, come anche a Stresa, tutto il traffico sia sulla arteria che sta fra il lago e la città, per cui lo smog è davvero fastidioso... Il ricordo del bel pomeriggio passato a Isola Bella ci spinge a tornare in anticipo al porto. Qui prendiamo il battello per Carciano.

Navigando...

Poi, in albergo, dopo una bella doccia, mi son goduto un buon libro in terrazza, vista lago, ovviamente!

Come al solito, le foto che avete potuto vedere in questo mio breve resoconto sono solo una minima parte di quelle realmente scattate. Qui potete trovare una collezione più ampia di quanto ho scattato a Isola Bella, e qui trovate le poche scattate a Verbania. Qui, invece, trovate tutto il Lago Maggiore.

Nella prossima "puntata" vi mostrerò le altre due Isole Borromee, ovvero Isola Madre e l'Isola dei Pescatori.





Scopri i miei ebook cliccando QUI




About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')