mercoledì 29 agosto 2018

Dal Lago Cavone al lago Scafaiolo

Glauco Silvestri
Comincia la rassegna fotografica dell'estate. Il primo 'breve' reportage è dedicato a una escursione che io e la mia morosa abbiamo fatto sugli appennini modenesi. Si tratta di un piccolo tratto dell'Alta via dei Parchi... Una bella sgambata in mezzo alla natura - come cita anche il titolo di questo post - dal lago Cavone al lago Scafaiolo, 370 metri di dislivello circa, sole cocente, quota massima raggiunta 1785 metri (n.d.r. al rifugio Duca d'Abruzzo). 


Il Lago Cavone è un piccolo laghetto artificiale usato per il ripopolamento dei corsi d'acqua locali. Nel periodo in cui lo abbiamo visitato era pieno di girini, talmente tanti che, volendo, li si poteva raccogliere tranquillamente dall'acqua a mani nude.

Girini

Il lago è circondato da una natura davvero affascinante. L'affluente che alimenta il laghetto arriva silenzioso dal bosco, un bosco dove gli alberi paiono osservarti con occhi indagatori incisi sulle loro cortecce.

Torrente

Occhio

Tutti in fila

Lago Cavone

C'è una bella area dedicata a chi ama fare picnic, ma a dominare l'ambiente sono le farfalle.

Momenti bucolici

Ma la nostra meta non era certo il Lago Cavone, così, dopo aver indossato gli zaini e imbracciato i nostri bastoncini da trekking, ecco che ci siamo avviati verso la cima in cui si nasconde lo Scafaiolo. C'è voluto davvero poco affinché il paesaggio mutasse radicalmente. I boschi sono scomparsi quasi subito per dare spazio a erba, licheni, e rocce. Solo qualche raro arbusto ha dimostrato coraggio per crescere sopra i quindici centimetri dal terreno.
Verso lo Scafaiolo

Temete l'alpe

The Route

Le vette

Il lago si rivela solo dopo l'ultimo sforzo, quando ormai si è giunti al rifugio Duca d'Abruzzo, e si getta lo sguardo verso il basso... Lui è sei metri più sotto, brilla alla luce del sole, ed è agitato da una debole brezza che soffia tra le cime che lo circondano.

Rifugio Duca d'Abruzzo

The Dog

Lago Scafaiolo

Blu

Un luogo incontaminato e, quasi magico... Quasi, perché poco dopo il nostro arrivo, è arrivato un gruppo di ragazzi che subito hanno cercato refrigerio tra le acque del lago.

Bagnetto?

Noi abbiamo colto l'attimo per rilassarci un pochino bevendo qualcosa di caldo al rifugio, e poi, essendo ormai giunta l'ora di rientrare, abbiamo raccolto le nostre cose e - a malincuore - abbiamo seguito a ritroso i nostri passi...

Se vuoi vedere altre foto della nostra escursione, puoi cliccare qui, sul mio album Flickr dedicato.






Scopri i miei ebook cliccando QUI




About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')