giovedì 10 gennaio 2019

Dogman - #Film #Recensione

Glauco Silvestri
Al cinema me l'ero perso. Dogman è un film che mi ha colpito come un pugno nello stomaco. Mi aspettavo qualcosa di differente, lo ammetto, e all'inizio, guardando i primi minuti di pellicola, non riuscivo a capire dove volesse andare a parare. Visto il mio interesse per questa pellicola, sono riuscito a evitare di leggere recensioni, commenti, eccetera eccetera. Sono arrivato 'puro' davanti allo schermo e...

Marcello è un uomo mite e minuto. Ama i cani, e ama tantissimo sua figlia. Lavora nel suo piccolo salone di toelettatura, e nel quartiere tutti gli vogliono bene. E' una zona grama della città, e tutti quanti tirano a campare barcamenandosi tra l'illegale e il legale. Nessuno fa sgarri a nessuno, ci si rispetta, e la sera tutti quanti vanno a giocare a calcetto assieme.
L'unico elemento che stona è Simone, un ex pugile che terrorizza l'intero quartiere per via del suo carattere instabile. Un attimo prima è gentile, un attimo dopo è violento. E vista la sua mole, tutti lo assecondano sperando che prima o poi incontri qualcuno più grosso di lui...
Il fatto è che Simone si mette in testa di rapinare il negozio a fianco a quello di Marcello, e per farlo chiede la complicità di quest'ultimo. Chiede... E ottiene con la coercizione e un po' di violenza. 
E' evidente che la mattina successiva la polizia va da Marcello e lo preleva, e visto che questo non parla, lo incrimina per complicità. Si fa un anno di prigione, e quando esce il quartiere non lo vuole più, lo rifiuta, lo disprezza... Marcello si sente solo, ha perso tutto, e per di più Simone non gli vuole dare la sua parte. Per questo decide di vendicarsi... Ma non sarà facile.

Dogman è un film gramo, perché ha un'aura di tristezza che aleggia dal primo all'ultimo minuto. E' recitato con maestria, guidato da una regia cruda e incisiva, raccontato con dialoghi stringati e immagini che segnano l'anima. E' davvero un film tosto, di quelli che vogliono raccontare la vita vera, e che non hanno lieto fine, non riscattano il personaggio principale, bensì che si arrendono alla fatalità degli eventi.

Davvero un gran bel film. Ve lo consiglio.




Con un abbonamento Amazon Prime, potete guardarlo via web con un click qui, oppure direttamente su una Fire Tv Stick.

Scopri i miei ebook cliccando QUI






About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')