mercoledì 20 maggio 2020

Mordecai - #Film #Recensione

Glauco Silvestri
No, Mordecai non mi ha convinto. Nonostante il cast, nonostante l'aria brillante della narrazione, nonostante l'intrigo, l'azione... No, non mi ha convinto.

Mordecai è un trafficante d'arte. Ha bruciato tutto il suo capitale in spezse pazze, e ora è costretto a vendere parte dei propri beni per riuscire a pareggiare i debiti, non sempre sostenuti con persone raccomandabili. Nel frattempo viene coinvolto nell'assassinio di una restauratrice di opere d'arte. Collaborando con la polizia, Charlie Mordecai intuisce che il quadro a cui la restauratrice stava lavorando - ovviamente scomparso - non è la tela di cui si pensa, bensì un Goya scomparso su cui, addirittura, si pensa siano stati annotati i numeri di un conto svizzero contenente i tesori dei Nazisti.
Mordecai è sulle tracce del quadro, e sulle tracce di Mordecai ci sono un gruppo di russi inferociti, i servizi segreti inglesi, un terrorista internazionale, e qualche collezionista d'arte senza scrupoli.
Al suo fianco ha solo il fedele servitore, e una moglie affascinante che sembra tramare addirittura alle sue spalle... Ma solo per fargli tagliare i ridicoli baffi che indossa con tanta attenzione.

Confuso, con una trama sconnessa che vuole essere ironica, ma che di ironico ha il giusto, molto british, e dal finale scontato. A poco serve un Johnny Deep in forma, una Paltrow glaciale, e un Ewan McGregor che porta casa il risultato. Regia buona, battute al limite del decente... Boh!



Corri subito QUI, e potrai vedere questo e altro su Amazon Prime Video. Funziona su ogni dispositivo, e ovviamente anche sulla Amazon Fire Tv Stick, ora disponibile anche in 4K.

Scopri i miei ebook cliccando QUI





About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')