venerdì 20 marzo 2020

Attraction - #Film #Recensione

Glauco Silvestri
Lentamente, mi appassiono sempre di più alle produzioni cinematografiche russe. Su questo blog vi ho già proposto diversi titoli provenienti dall'Ex Unione Sovietica e, oggi, eccomi a parlare di Attraction, un bel film di fantascienza con tanto di astronave, esercito, alieni, e... Gli ingredienti ci sono tutti per fare una buona concorrenza ai disaster movie hollywoodiani!

Sono sessant'anni che non arriva uno sciame di meteore così spettacolare vicino alla Terra. L'epicentro di questa pioggia di stelle cadenti è il cielo di Mosca, e tutta la popolazione si appresta per godere di questo incredibile spettacolo.
Però... Una nave aliena che sta osservando il nostro pianeta si trova completamente esposta allo sciame. Troppo concentrata a guardare noi, si accorge troppo tardi dell'arrivo delle meteore. Viene colpita, e danneggiata. 
Gli occupanti della nave aliena decidono di eseguire un atterraggio di emergenza sul nostro pianeta, approfittando dello sciame meteorico per non farsi notare ma... Ovviamente si fa notare!
L'esercito sovietico si mette subito in allarme. Credendo che l'oggetto sia una sorta di satellite spia occidentale, attacca senza troppe remore... Anche perché da esso arrivano forti campi elettromagnetici capaci di mandare in tilt le apparecchiature elettroniche... Per cui si teme che esso sia alimentato da una pila atomica, o da roba simile.
Colpito da diversi missili, la nave aliena finisce per precipitare proprio sulla capitale russa. Le vittime sono innumerevoli, ma lo choc diviene totale quando dal relitto escono degli umanoidi...
Accortisi dell'errore, pur rimanendo in allerta, le forze militari decidono di stabilire un primo contatto, e da esso si scopre che gli alieni sono venuti in pace, che comprendono il fraintendimento, e che necessitano semplicemente di tempo per riparare la nave e ripartire.
L'area viene presidiata, i cittadini spostati in altre zone della città, e gli alieni vengono lasciati in pace a lavorare. Peccato solo che un gruppo di giovani teppistelli, uno dei quali fidanzato con la figlia di un alto ufficiale dell'esercito, decidano di penetrare l'area protetta per vendicare le morti avvenute durante la caduta della nave aliena.
Potete ovviamente immaginare cosa acc... No! I teppisti riescono a mettere ko un alieno, e a rubargli l'esoscheletro. Mentre questi se ne vanno con il bottino, la figlia del generale nota che l'alieno non è morto, e che ha fattezze completamente umane. Decide di aiutarlo... e tutti le saranno contro, ovvio, tranne Google! Che non è il noto motore di ricerca americano, bensì il soprannome del secchione della classe in cui lei studia.

Bella storia, leggera, senza pretese, con un po' di romanticismo, moltissima azione, buone interpretazioni, e una CGI davvero convincente. Era ora che gli alieni giungessero in luoghi differenti dal suolo americano, no? Sono state poche le pellicole di questo tipo nella storia della fantascienza. E sul suolo sovietico, lo ammetto, non mi era mai capitato. E mi sono divertito parecchio nel guardarlo... Per cui ve lo consiglio, ma non aspettatevi un pippone filosofico. Questo non è Solaris, è un popcorn movie, un action movie con alieni da guardare a cervello spento; tutt'altra storia!





Corri subito QUI, e potrai vedere questo e altro su Amazon Prime Video. Funziona su ogni dispositivo, e ovviamente anche sulla Amazon Fire Tv Stick, ora disponibile anche in 4K.

Scopri i miei ebook cliccando QUI




About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')