sabato 26 ottobre 2019

Il Verdetto (The Children Act) -#Film #Recensione

Glauco Silvestri
Se siete facili alle lacrime, allora Il Verdetto è un film che vi commuoverà davvero. Tratto da La ballata di Adam Henry, la pellicola ci pone di fronte a un terribile dilemma.

Fiona Maye è un giudice severo, ma stimato, che si trova ad affrontare il caso di Adam Henry. Il ragazzo, essendo nato in una famiglia di Testimoni di Geova, è ricoverato in ospedale, e non vuole accettare una trasfusione di sangue che potrebbe salvargli la vita.
Per Fiona è una causa scottante: La religione contro la legge. E in mezzo c'è la vita di un ragazzo. E' per questo motivo che, contrariamente a quanto previsto dalle procedure giudiziarie, il giudice decide di andare in ospedale per conoscere il ragazzo, e per capire cosa sia giusto fare. Una volta giunto in ospedale, il giudice scopre che Adam, seppure a parole sia deciso ad accettare il proprio destino, nell'intimo abbia ancora tanta voglia di vivere. Tornata in aula, Fiona Maye decide di applicare il Children Act, e di far effettuare comunque la trasfusione.
Il ragazzo sopravvive, ma perde la fede, e perde anche il proprio legame con i genitori, Testimoni di Geova, che pur essendo felici che il proprio figlio sia ancora vivo, non riescono ad accettare che abbia violato - suo malgrado - i dogmi della loro religione.
Adam si trova improvvisamente solo, e altrettanto improvvisamente scopre un intero mondo che prima gli era precluso. Nella gioia del momento cerca di contattare il giudice per ringraziarlo, ma una volta stabilito il contatto, si lega ad esso in modo morboso, considerando Fiona colei che ha distrutto la sua vita, ma che allo stesso tempo gli ha donato una esistenza tutta nuova.

Sfortunatamente la vicenda non finisce bene, ma non starò a rivelare il 'come va a finire' perché sarebbe meglio che lo scopriste guardando la pellicola. La regia è buona, anche se senza sorprese, e Emma Thompson è davvero perfetta nei panni del giudice Maye. Buona anche l'interpretazione di Fionn Whitehead, che abbiamo già visto in Dunkirk, di Christopher Nolan. Ottimo anche Stanley Tucci, nei panni del marito della Maye... Non rivelo nulla sul suo ruolo, ma è forse l'elemento che mantiene l'equilibrio in un film che - altrimenti - diverrebbe troppo melenso. E' bello anche il contrasto tra la vita privata e quella pubblica del giudice, e buono è anche il ritmo della narrazione.

Un bel film. Ve lo consiglio.



Corri subito QUI, su Amazon Prime Video. E potrai vedere questo e tanto altro su tutti i tuoi dispositivi.

Scopri i miei ebook cliccando QUI





About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')