domenica 27 ottobre 2019

Il Cavaliere Pallido - #Film #Recensione

Glauco Silvestri
Oggi vi parlo di un altro western che conservo con affetto nel cuore. E' Il Cavaliere Pallido, ovviamente è presente nel cofanetto di cui vi ho già parlato più e più volte, e... be', per quanto non sia originalissimo, visto che in esso si notano componenti degli Spaghetti Western di cui - tra l'altro - Eastwood è stato protagonista assoluto, e visto anche che, probabilmente, il film omaggia un western precedente, Il cavaliere nella valle solitaria, realizzato nel 1959, e di cui non ricordo un bel nulla se non il titolo.

Il film è ambientato durante la corsa all'oro. Siamo nel nord degli Stati Uniti, Barret e i suoi uomini stanno cercando oro nel proprio terreno. Ciò disturba il ricco Coy Lahood, che possiede più o meno tutta la zona, tranne il piccolo appezzamento di Barret, e che cerca l'oro con metodi molto più organizzati del sistema artigianale del "vicino di casa".
Coy vorrebbe sbarazzarsi di Barret, e per questo assolda una banda di delinquenti, che compie scorrerie e pesta violentemente i pacifici cercatori d'oro che disturbano il magnate. La situazione diventa insostenibile quando, all'improvviso, uno strano tipo, un uomo solitario, a cavallo, mezzo predicatore e mezzo pistolero, arriva nella zona e prende le difese del povero cercatore d'oro.
Ovviamente il misterioso salvatore viene accolto dalla piccola comunità, e in breve viene amato e rispettato da tutti quanti, uomini e donne, presenti nell'accampamento di Barret.
Meno amato è, ovviamente, dagli uomini di Lahood, per ciò scoppia una vera guerra tra cercatori d'oro. Lahood prima prova ad acquistare il terreno di Barret, poi fa deviare il fiume in modo che inondi le loro baracche e distrugga l'accampamento. Per quanto il piccolo gruppo di cercatori non voglia cedere alle pressioni, è evidente che non possono resistere a lungo senza che avvenga il miracolo.
E il miracolo avviene. Viene trovato l'oro...

Potete immaginare ciò che avviene in seguito: L'invidia, la rabbia, la follia, e il cavaliere pallido che risolve i problemi alla sua maniera. Un film denso di emozioni, di scene epiche, e di momenti drammatici. Qui si nota la bravura di Eastwood, che per sette anni aveva abbandonato il genere, e con questa pellicola si presenta sia in veste di protagonista, sia in veste di regista. E... Non a caso, questo è il film western di maggior successo di quegl'anni.

Bello! Davvero bello!




Corri subito QUI, e potrai vedere questo e altro su Amazon Prime Video. Funziona su ogni dispositivo, e ovviamente anche sulla Amazon Fire Tv Stick.

Scopri i miei ebook cliccando QUI





About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')