sabato 6 luglio 2019

La nostra Casa è in fiamme - #Libri #Recensione

Glauco Silvestri
Immagino che tutti voi conosciate Greta Thunberg. Facebook, i social più in generale, si sono riempiti di meme che ironizzano sulla sua battaglia. Molti quotidiani l'hanno - come dire - sbeffeggiata con titoli poco rispettosi. Altri hanno raccontato la sua storia, appoggiato la sua battaglia, per poi dimenticarsene dopo poche settimane (n.d.r. Ne parla più qualcuno?). Il fatto è che - a parte qualche chiacchiera - dopo un momento iniziale di sensibilizzazione globale, per lo più, tutti quanti, hanno ripreso a vivere la propria vita dimenticando ciò che lei cerca di fare... Roba da poco, sapete? Vuole solo salvare la nostra specie dall'estinzione, e il nostro pianeta, da una evoluzione che potrebbe modificarlo per sempre.

La nostra Casa è in fiamme è il suo libro. Scritto a quattro mani da tutta la famiglia, affronta ben più del solo problema climatico che ci affligge.

Greta soffre della Sindrome di Asperger. E' solo qualche anno che si è manifestata, e la sua famiglia è stata travolta da questa forma di autismo che muta definitivamente le persone. 

La Sindrome di Asperger è una sorta di malattia del genio. Chi ne è afflitto dimostra incredibili talenti, e allo stesso tempo, ha terribili difficoltà. E Greta, ovviamente, ha mostrato il peggio di sé, in famiglia, fino a che la famiglia non è riuscita a comprendere come comportarsi con lei. Ma poi è arrivata la figlia Beata. Se all'inizio pareva fosse solo una sorta di gelosia per le troppe attenzioni rivolte alla sorella malata, poi si è capito che il problema non era tutto lì. E infine, il dubbio... Visto che si tratta di una malattia genetica... Salta fuori che anche la madre è malata. Lei è una cantante lirica. E' sempre stata una cantante dotata di un grande orecchio, di una capacità incredibile nell'interpretazione dei brani senza bisogno di provare e riprovare. La musica era la sua genialità. 
Una caratteristica di questa malattia è quella di non avere sfumature. Le cose sono o bianche, o nere. Ed è per questo motivo che Greta si è messa di traverso di fronte al problema del clima. Non riesce a capire le tante chiacchiere, i tanti congressi, la buona volontà... E poi però nulla viene mai fatto per davvero. Dal primo congresso sul clima, a Rio (anno 1992), oramai una quarantina di anni fa, all'accordo di Parigi (anno 2015), le emissioni sono sempre aumentate. E dall'accordo di Parigi a oggi, non è ancora cambiato nulla, anzi... Le emissioni continuano ad aumentare, e gli scienziati hanno dichiarato che le probabilità di raggiungere i propositi di contenere l'aumento di temperatura entro i 2 gradi siano solamente del 5%.
I danni all'ambiente che un volo aereo può provocare sono tali da cancellare venti anni di raccolta differenziata.
E oggi gli aerei volano sempre più spesso grazie ai low cost. Ma il problema più grosso è derivato da chi ha di più, i privilegiati, i ricchi. Il 10% della popolazione mondiale, i più ricchi del pianeta, sono causa della metà di tutte le emissioni di gas serra. Basterebbe una maggior coscienza da parte di queste persone per riuscire a rispettare l'accordo di Parigi.

L'atmosfera ideale per la nostra sopravvivenza dovrebbe contenere un massimo di 350 parti per milione di anidride carbonica. Questo dovrebbe essere un limite invalicabile perché - per noi - l'anidride carbonica è un veleno. Oggi abbiamo superato le 410 parti per milione. E si calcola che in una decina d'anni si arriverà a 440. Nel frattempo danneggiamo i polmoni del pianeta, tagliamo alberi, distruggiamo foreste, e sappiamo bene quanto le piante siano importanti per eliminare l'anidride carbonica dall'atmosfera.

Ma il libro non si concentra solamente sui fattori climatici. Si allarga e ci racconta la vita disperata di una famiglia. Le difficoltà con un sistema sanitario ottuso, con un sistema scolastico incapace di accogliere chi è diverso, di una società incapace di aiutare chi è in difficoltà. E tante domande vengono poste sia da chi scrive, sia da chi legge: tutto il nostro benessere a cosa serve se, nel momento del bisogno, tutti ti abbandonano?

Il libro è interessante da molti punti di vista, ma è soprattutto un racconto di vita, una storia di famiglia, un dramma vissuto a metà tra la disperazione e la speranza. La storia di una malattia, la storia di una bambina che da un giorno all'altro è cambiata per sempre. Apre gli occhi su tanti argomenti, ed è davvero toccante.

Ve lo consiglio. 




Scopri i miei ebook cliccando QUI





About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')