domenica 9 giugno 2019

Nuova Vita al #DJI #Tello con l'App #TelloFPV - #Droni

Glauco Silvestri
Ogni tanto torno a parlare di Droni, e ovviamente, del piccolo Tello, visto che lo possiedo. Le sue caratteristiche, e i suoi limiti, li conosciamo ormai benissimo, e di conseguenza non ha molto senso continuare a discutere di queste cose. Del resto è un quadricottero che costa meno di 100 euro, e per quella cifra è davvero molto difficile trovare qualcosa di meglio.
Ma è possibile migliorare il Tello con poco più di soli 5 euro di spesa? Forse sì.
L'applicazione ufficiale del Tello permette di fare tante belle cose. Ovviamente si può pilotare il Tello come più ci piace, sia in modo lento - più adatto alle riprese video - sia in modo veloce - più adatto al gioco, alle 'corse' - e ovviamente il drone risponde sempre con prontezza a ogni comando fornito dall'applicazione. Abbiamo visto come aumentare il range di volo del nostro Tello, usando un extender wifi; e allo stesso tempo, sempre grazie all'extender, abbiamo visto che si può migliorare la qualità video. E ancora, grazie al remote control della Gamesir, abbiamo visto anche come rendere più ergonomico e facile il volo del nostro piccolo drone.

Però ci sono cose che con l'applicazione ufficiale non si possono proprio fare... E il problema lo si può risolvere con Tello FPV.

La schermata di Tello FPV
Tello FPV è una applicazione che esiste solo nel mondo Android, per cui - io che possiedo solo un iPhone - ho dovuto recuperare il vecchio smartphone di mio babbo per poterla provare. Bisogna ringraziare il creatore di questa App per aver reso disponibile sul Play Store una versione Demo con cui fare delle prove... Ma vi assicuro che l'applicazione vale ogni centesimo che costa.

La schermata dell'App ufficiale
Come si può notare sin dal primo sguardo, l'applicazione per Android offre molte più informazioni relative al volo del nostro drone. Oltre alla velocità e alla quota in cui si trova, l'app ci mostra quanto il drone sia distante da noi, la carica della batteria del drone, quella del cellulare, quella del telecomando, e anche la potenza del segnale wifi. Oltre a ciò, possiamo notare che 'allarga' l'immagine in modo tale che copra l'intero display, e mostra persino l'inclinazione del drone durante il volo, rendendo l'esperienza di guida molto più agevole.
Ovviamente si possono fare foto e filmati, ma con la nuova App è possibile fare foto panoramiche a 360, e anche video a 360, automaticamente. Inoltre, quando si scatta una foto, se il drone non è perfettamente orizzontale, il software si occupa di raddrizzare l'immagine in automatico.

Una panoramica del mio ufficio fatta con 10 scatti del Tello (clicca per ingrandire)
Come avviene per l'app ufficiale, anche questa permette l'uso dei Googles per la guida del drone in FPV (n.d.r. First Person Vision), con in aggiunta la particolarità che muovendo la testa a destra e a sinistra, il drone ruota automaticamente a destra e a sinistra in modo da farti vedere cos'ha attorno. Ovviamente l'app ufficiale non lo fa!

Ma la funzione killer è sicuramente il Return to Home, il tasto RTH, una funzione che tutti i droni moderni - ma anche il mio piccolo Redpawz - hanno. Il concetto è semplice: Quando il drone è molto lontano, fuori dalla visuale, e si teme di fare dei danni, o di perderlo, è sufficiente premere questo tasto per far sì che il drone torni a casa autonomamente.
E' evidente che questa funzione non può essere precisissima, visto che il Tello non è dotato di GPS, ma utilizzando la telecamera e i vari sensori del drone, devo dire che sbaglia davvero di poco.

Associata a questa funzione, altra opzione killer, è il Panic Button, il tasto STOP. Premendo questo tasto il drone si ferma istantaneamente nel punto in cui si trova, interrompendo tutto ciò che stava facendo. Diventa molto utile quando il drone sta girando un video. In questa modalità il volo del drone è molto ammorbidita per permettere che l'immagine sia morbida e non scattose, e di conseguenza, la sua risposta ai comandi dell'operatore non è proprio fulminea. Se ci si rende conto che, volando, il drone si avvicina a ostacoli pericolosi (n.d.r. Tipo rami d'albero) è possibile che i nostri tentativi di farlo allontanare siano ricevuti dal drone con troppa poca reattività. Premendo il tasto Stop il drone si immobilizza dove si trova e interrompe ciò che stava facendo. In molti casi questo tasto potrebbe salvare il drone da possibili e spiacevoli impatti.

Altra funzione non presente sulla app originale è la possibilità di creare un Point of Interest, il tasto POI. Una volta fissato un punto di interesse, mentre voliamo il drone terrà sempre la telecamera rivolta al punto di interesse. Perfetto per girare video ad effetto, o per fare foto a un oggetto da più punti di vista, senza dover sempre stare attenti a come manovrare il drone. Ovviamente, è possibile impostare il drone affinché faccia in automatico un giro di 360 gradi attorno al nostro POI...

Vogliamo aggiungere anche la possibilità di modificare l'esposizione dell'ottica del drone durante il volo? Mai più foto sovraesposte o sottoesposte.

E se volessimo insegnare a volare a nostro figlio? Ebbene questa app consente il controllo del drone da due differenti persone, lo Student e il Master/Teacher, ovvero lo studente e l'insegnante, così che l'insegnante possa sempre intervenire nel caso lo studente faccia un errore che possa mettere a rischio il drone, o peggio ancora, eventuali cose o persone vicine all'area di 'studio'.

E di funzioni ce ne sono ancora molte... A partire dal registro di volo, dall'indicazione dei minuti di volo eseguiti (utili per comprendere anche l'autonomia residua della batteria del drone), la possibilità di accendere i motori a basso regime senza decollare, la possibilità di mappare i comandi a nostro piacimento, sia se pilotiamo il drone dall'app, sia che usiamo un telecomando, e persino di mappare il nostro volo su Google Maps sfruttando il GPS del cellulare e le distanze relative misurate attraverso i sensori del drone (n.d.r. Questa funzione è un extra da pagare a parte...).

Cosa manca? La funzione Follow Me sembra proprio impossibile da ottenere. Sarebbe stato bello vedere il drone che ci segue mentre noi ci muoviamo. In linea teorica non dovrebbe discostarsi da quanto già si può fare con il POI fisso, ma è probabile che l'hardware del Tello sia un po' troppo limitato per riuscire a seguire un punto di interesse in movimento. Lo sviluppatore ci ha provato, ma a quanto dice i risultati non sono soddisfacenti. Pazienza!

Che problemi ho avuto? L'unico problema che ho avuto è legato alla connessione bluetooth con il Gamesir T1d. Il software è compatibile (n.d.r. Ed è compatibile con molti altri telecomandi, tra cui anche quello della Playstation, se ho capito bene!), ma il Huawei P8 lite di mio babbo è sempre stato problematico con le connessioni bluetooth (n.d.r. Pensate che non si collegava neppure con la fitness band della Huawei...), per cui immagino che l'inghippo sia tutto lì. Se avessi uno smartphone differente, forse...


In definitiva, con questa App, il piccolo Tello diventa grande. L'app ufficiale diventa necessaria solo per aggiornare il firmware del drone. Tra le altre cose, lo sviluppatore di Tello FPV è molto attivo, e gli aggiornamenti, le correzioni di bug, e i vari problemi che gli vengono segnalati, sono risolti molto rapidamente. Davvero eccezionale!



Scopri i miei ebook cliccando QUI




About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')