venerdì 21 giugno 2019

Jumanji, Benvenuti nella Jungla - #Film #Recensione

Glauco Silvestri
Ok, è vero! Questo Jumanji non è la stessa cosa (n.d.r. Qui). Eppure è un film che ha il suo perché! La pellicola ricalca l'idea originale, ma la proietta ai giorni nostri trasformando il temibile gioco da tavolo in un videogame scovato per caso da quattro ragazzi in un magazzino del loro liceo.
La curiosità è la loro condanna. Accendono la console giochi, scelgono i personaggi, e... All'improvviso si trovano all'interno del videogame, con tanto di scheda personaggio, una trama da svolgere, e un nemico da sconfiggere.
In questo caso i nostri quattro ragazzi si trovano a dover placare una maledizione. Un archeologo ha sottratto una pietra dai poteri misteriosi dal luogo dove era stata custodita per secoli e secoli. Il potere della pietra lo ha soggiogato, poi, il destino ha fatto sì che la pietra andasse perduta, e così lo spirito dell'archeologo, divenutone succube, che ha tramutato l'uomo in una sorta di demone assetato di potere, sangue, e smanioso di riavere la pietra tutta per sé.
I ragazzi sono gli eroi che devono trovare la pietra e riportarla al tempio. Ma non è facile. Ognuno di loro ha delle capacità, ma ognuno di loro è dentro a corpi che non rispecchiano il loro spirito. E così il Nerd diventa l'eroe forzuto; il campione di football diventa il pavido amico dell'eroe; la cheerleader diventa lo scienziato obeso di mezza età; e la secchiona diventa l'eroina tutto fascino e arti marziali. E come vuole la tradizione, durante la loro missione incontreranno il 'pilota di idrovolanti', altro personaggio del videogame rimasto bloccato al suo interno da oltre vent'anni.
Il film è divertente, pieno di gag che attirano risate spontanee, e grazie a Jack Black non ci si annoia mai. 
Anche Dwayne Johnson è abilissimo a rappresentare il suo personaggio, fuori tutto muscoli e carisma, dentro pauroso, nerd, senza spina dorsale. E se il film intrattiene con avventura, divertimento, azione, ed effetti speciali - sorpresa delle sorprese - c'è anche il messaggio da cogliere. Già! Perché nel film è chiaro che si vuol mostrare agli adolescenti che possono diventare tutto ciò che vogliono, l'importante è che abbiano il coraggio di fare le scelte giuste, e che vadano incontro alle loro paure, piuttosto che evitarle, evitando così di fare esperienze e di riuscire a crescere interiormente.

E... be', no... Non ce la facciamo proprio a raggiungere i livelli del Jumanji originale, ma ciò non significa che questo film non possa essere altrettanto piacevole da vedere. Ve lo consiglio.



Corri subito QUI, su Amazon Prime Video. E potrai vedere questo e tanto altro su tutti i tuoi dispositivi.

Scopri i miei ebook cliccando QUI




About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

2 commenti:

  1. Non mi aspettavo NULLA da questo film. Invece mi sono divertita come una bambina!!

    RispondiElimina

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')