mercoledì 29 maggio 2019

Esiste, a parità di prezzo, qualcosa di meglio del #Tello? - #Droni #Dji #Tello #MicroDrone

Glauco Silvestri
Il Tello
Esiste qualcosa di meglio del Tello, oggi? I tempi in cui un prodotto poteva dominare il mercato per oltre 10 anni senza alcun aggiornamento (n.d.r. vedi il Commodore 64) sono finiti da parecchio. Ora ci si aspetta aggiornamenti ogni anno, se non ogni sei mesi, e di solito i produttori rispondono a queste richieste con prontezza.
Al momento in cui sto scrivendo l'articolo il Tello ha ormai più di un anno di vita. Fu presentato al CES 2018 e la nuova edizione del CES è già avvenuta da parecchi mesi senza novità - riguardo al Tello - da parte di Dji e Ryze.

Certo, a parità di prezzo, ancora oggi non c'è nulla di paragonabile a quanto offre questo piccolo drone, ma la concorrenza incalza, e al CES 2019, è apparso il Microdrone 4.0.

Il Microdrone 4.0
Il drone è finanziato da una campagna Indiegogo, campagna che già da parecchio tempo ha raggiunto il suo target, e che al momento della scrittura di questo articolo era ancora aperta per finanziare il telecomando, e le funzioni avanzate che l'intelligenza artificiale presente nel cuore di questo drone potrebbe eseguire in un futuro prossimo.
La produzione del drone dovrebbe essere ormai prossima, e non so se oggi (n.d.r. La data in cui state leggendo questo articolo) sia ancora possibile acquistarne uno in anteprima.
Ma è davvero il 'Tello Killer'?
Sulla carta direi proprio di sì. Il prezzo dovrebbe essere di poco superiore, ma le caratteristiche sono di tutto rilievo:

  • Fotocamera con sensore Sony 1080p
  • Stabilizzazione meccanica dell'immagine con Gimbal a 2 assi, ed elettronica sul terzo asse.
  • Volo stabilizzato con autohovering.
  • Funzione Follow me.
  • Funzione Return home.
  • Eliche pieghevoli per ridurre gli spazi nel trasporto.
  • Slot microSD Card integrato sul velivolo.
  • Intelligenza Artificiale per le funzioni avanzate.
Eccetera eccetera... Trovate tutto quanto sul sito. Ma già tre fattori sarebbero determinanti per vincere sul Tello, ovvero:
  • Lo slot per la microSD a bordo del velivolo, così da poter salvare foto e video sulla SD e non dover sfruttare la connessione wifi per fare il download in tempo reale sullo smartphone (con perdita di qualità a causa della compressione più o meno spinta a seconda della forza del segnale wifi);
  • La presenza di un Gimbal, e di conseguenza, di una fotocamera orientabile;
  • Il raddoppio della qualità delle immagini con un sensore.
Del Tello mantiene alcune debolezze:
  • Gli manca il GPS (n.d.r. La stabilizzazione avviene tramite un sensore ottico posto sulla pancia del drone, più la fotocamera frontale, più sensore barometrico, etc etc).
  • I motori sono a spazzola (n.d.r. Più piccoli e semplici da pilotare, soprattutto meno costosi), per quanto non abbiano più le eliche fissate direttamente sull'albero motore.
Ovviamente queste debolezze sono legate al limite di prezzo che si erano imposti per questo drone così da renderlo appetibile sul mercato.


Per cui, a meno di sorprese da parte di Dji, e a meno che il Microdrone non raggiunga mai il mercato di massa (n.d.r. Ma perché non dovrebbe? Il Microdrone 3.0, ma anche gli altri suoi predecessori lo hanno fatto), abbiamo trovato il vero Tello Killer.

Ovvio che bisognerà vederlo dal vivo per poter fare un paragone serio tra i due prodotti.

Nel frattempo... Io ho preparato il mio piccolo Tello per la battaglia.




Scopri i miei ebook cliccando QUI




About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')