mercoledì 6 marzo 2019

Date a #Siri ciò che non è di Siri (Lesson 3) - #Corso #Homebridge

Glauco Silvestri
In questa terza lezione entreremo finalmente nel cuore della faccenda. Grazie ai protocolli attivati dal menù preferenze di Raspbian (n.d.r. SSH e VNC) siamo in grado di accedere al nostro Raspberry attraverso il nostro computer. Ciò ci permette di eseguire tutto il lavoro da 'remoto', e di poter avere in parallelo strumenti a cui siamo più congeniali per eventuali dubbi, perplessità ed eventuale consultazione della rete.
Questa esperienza ci viene anche da supporto da quanto dovremo fare in futuro, per mantenere attivo e aggiornato il Raspberry. In pratica, questi primi accessi via SSH ci faranno da scuola guida per il futuro.
Se non l'avete già fatto, staccate monitor, mouse e tastiera dal Raspberry e riattaccateli al vostro computer.
A proposito: Che tipo di computer avete?

Se il vostro computer ha Windows, vi manca un software nativo per connettervi  in SSH al Raspberry. Dovrete scaricarne uno, per esempio Putty, che è gratis, non richiede installazione, e funziona benino.
All'avvio, Putty avrà bisogno di alcune informazioni per potersi connettere al Raspberry.


E' sufficiente inserire l'indirizzo IP nell'apposita finestra, selezionare SSH, e cliccare su Open.
La prima volta in cui accederete al Raspberry, Putty vi segnalerà che vi state collegando a un Host sconosciuto, e vi chiederà conferma. Premete Yes per validare la connessione. Putty si ricorderà di questa scelta e non vi farà più domande.
O meglio... Vi chiederà a quale utenza volete collegarvi. Scegliete pi e inserite la password che il Raspberry vi ha chiesto di creare al primo avvio (n.d.r. con NOOBS, prima di installare Raspbian).
Ora siete veramente dentro! E siete pronti a fare sul serio... 
Ma... E se invece Putty vi segnala un errore? Probabilmente l'indirizzo IP che abbiamo rilevato la volta scorsa non è più valido. Capita quando le connessioni WIFI sono impostate con indirizzo IP dinamico. Nessun panico. Tornate alla lezione 2, ricollegate monitor, tastiera, e mouse al Raspberry, trovate il nuovo IP, quindi ripassate a Windows e compilate correttamente la finestra di Putty.
A questo punto tutto funzionerà a dovere.

Passiamo a coloro che invece hanno un Mac, o usano un sistema operativo Linux. In questo caso è tutto più facile. E' sufficiente aprire una finestra Terminale, e digitare la seguente stringa:
ssh nomeutente@ip
dove nomeutente è pi, e ip è l'indirizzo IP del Raspberry. Ovvero, per fare un'esempio più concreto:
ssh pi@192.168.1.xx
Se tutto va bene, sia nel caso di Putty, sia nel caso abbiate avuto accesso tramite Terminale, avrete una schermata completamente testuale.


la scritta pi@raspberrypi ~ $ testimonia che siamo connessi al Raspberry.
Sappiate che per uscire da questa finestra bisogna digitare
exit
Ma per il momento rimaniamo dentro... Che c'è parecchio da fare!

E se invece volessimo usare VNC?

VNC ha il vantaggio apparente di offrire alla nostra vista una interfaccia grafica a cui siamo già abituati. Una volta scaricata l'applicazione (n.d.r. RealVNC) dal sito ufficiale, non dobbiamo far altro che avviarla, inserire indirizzo IP e nome utente per vedere da remoto l'intero desktop di Raspbian.
A questo punto abbiamo il controllo del Raspberry, col mouse ci spostiamo in alto a sinistra per aprire una finestra di Terminale, ed eccoci pronti a lavorare.

L'unica nota negativa di questo secondo sistema è legata alla velocità di connessione. Se il nostro wifi è poco performante, è possibile avere dei ritardi visivi. Potrebbe accadere che la finestra non si aggiorni in tempo reale quando digitiamo sulla tastiera, o che il mouse vada a scatti. Ciò accade perché VNC mostra l'intero desktop del nostro sistema Raspberry, e di conseguenza deve aggiornare anche le parti grafiche, ogni cosa, oltre che badare a quanto realmente stiamo facendo.
Il protocollo SSH, invece, accedendo a riga di comando, offre una connessione più fluida ed efficace ai nostri scopi.

Ora siamo pronti per installare Homebridge sul Raspberry. Ma ce ne occuperemo alla prossima lezione.



Scopri i miei ebook cliccando QUI




About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')