domenica 16 settembre 2018

Barriere - #Film #Recensione

Glauco Silvestri
Oggi mi trovo di fronte a una situazione scomoda... Devo parlare di un film che ha vinto molti premi, e che sin dalle prime scene si vede che è una pellicola di valore. Però io non ce l'ho fatta a vedere fino in fondo Barriere

Che vi devo dire... Troy mi è andato di traverso sin dalle prime scene del film, scene durante le quali non smette mai di parlare, dove intrattiene il suo amico Jim con un sacco di discorsi, spesso senza conclusione, su come la vita sia ingiusta per i neri, per sé stesso, per la sua famiglia.
Questo suo parlare continuamente, interrompendo continuamente gli altri, lasciando loro solo il tempo per emettere qualche monosillabo, lamentandosi ininterrottamente di qualunque cosa, mi ha urtato violentemente. Mi rendo conto che tutto ciò serva a costruire il personaggio ma... Non ce l'ho fatta proprio.

La vicenda è quella della famiglia di Troy Maxson, ex promessa del baseball, che fa il netturbino. E' sposato con Rose, ha una sorta di relazione extraconiugale con Alberta, ha come unico amico Jim, un figlio che è bravissimo nel baseball e sogna di diventare un professionista - nonostante sia osteggiato dal padre - un fratello rimasto gravemente ferito in guerra... Insomma, una famiglia umile con tanti pesi sulle spalle e guidata da un uomo che ama tutti quanti ma che non sa esprimere i propri sentimenti se non con un fare autoritario.
Storia complessa, toccante, tratta da un dramma teatrale che spopolò nel 1983, ma che non riuscì mai a diventare film fino al 2016, perché l'autore voleva un regista afroamericano... E solo quando Denzel Washington si è offerto di dirigerlo, finalmente, il film ha visto la luce.

Prometto che ritenterò la visione in un'altra occasione, magari in una situazione in cui io abbia un mood più adatto al tipo di pellicola. A voi, comunque, non posso che segnalarlo. Perché questo film è stato un sogno realizzato, un impegno durato dei decenni, e che ha ricevuto anche dei premi prestigiosi, specie per la bravissima Viola Davis, che qui ha interpretato il ruolo di Rose.


Con un abbonamento Amazon Prime, potete guardarlo via web con un click qui, oppure direttamente su una Fire Tv Stick.

Scopri i miei ebook cliccando QUI



About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')