domenica 26 agosto 2018

Il Cigno Nero - #Film #Recensione

Glauco Silvestri
Che bel gioiellino Il Cigno Nero. Un film che si fa apprezzare, o non apprezzare, per la sua estrema drammaticità, per il suo combattimento interiore, per la profondità psicologica che, se non ci si lascia trascinare nella follia della narrazione, rischia di non essere capita. La Portman è perfetta nel ruolo di Nina. Ballerina ambiziosa, giovane, bella, a caccia del doppio ruolo che tutti sognano ne Il Lago dei Cigni. Lei vuole interpretare il Cigno Bianco, delicato e innocente, e il Cigno Nero, malvagio e seducente. Questo ruolo la farebbe diventare una star, la regina del ballo, ma... Come si dice sempre: bisogna stare attenti a ciò che si desidera perché, potrebbe avverarsi!
Nina ottiene il ruolo, e dopo l'attimo di gioia iniziale, ecco che i timori la aggrediscono con tutte le loro forze. Teme di non essere in grado di rappresentare il Cigno Nero, di perdere consensi, di cadere in disgrazia. E se esternamente è acclamata e apprezzata da tutti, nella sua mente ha luogo una lotta estenuante che perde razionalità di pari passo con il suo avanzare nella carriera. Fantasie, incubi, gelosie... Lo scontro è inevitabile con l'arrivo di Lily, una nuova, giovane, conturbante ballerina. Lei, bravissima, diventerà la sua maggiore rivale, alimenterà le paranoie della star, le sue fantasie, le sue allucinazioni. Tutto condurrà a un drammatico epilogo che... Ovviamente non vi svelo.

Film meraviglioso, intenso, drammaticamente fantastico. Il conflitto psicologico si incrocia alla perfezione con le rivalità del mondo reale, e si mescola sublime con la narrazione dell'opera di Tchaikovsky. La regia e la fotografia sono sublimi, il racconto è intenso, con un ritmo che incalza e mette in ansia. Bravissima anche Mila Kunis, nei panni di Lily, probabilmente uno dei ruoli più importanti nella sua carriera cinematografica.

E' davvero un gioiello. Ve lo consiglio.



Nina è un'ambiziosa giovane ballerina di New York, a caccia del doppio ruolo che tutti sognano: il Cigno Bianco, delicato e innocente, e il Cigno Nero, che emana una malvagità seducente, nel classico Il Lago dei Cigni, in grado di trasformare una sconosciuta in una star. Nina riesce ad ottienere il ruolo, ma non è sicura di poter incarnare la parte oscura della regina dei cigni. Mentre raggiunge nuove vette con il suo corpo, gli incubi, le fantasie e le gelosie che nasconde iniziano a farsi strada in maniera profonda, causando uno scontro pericoloso con una provocante nuova arrivata, Lily, che rappresenta la sua maggiore rivale. Nina in breve tempo si cala fin troppo bene nel ruolo del malvagio e mortale Cigno nero...


Con un abbonamento Amazon Prime, potete guardarlo via web con un click qui, oppure direttamente su una Fire Tv Stick.

Scopri i miei ebook cliccando QUI




About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

2 commenti:

  1. Non sono mai riuscita a rivederlo dopo la prima visione al cinema ma mi aveva lasciata sconvolta, sia per la bellezza delle immagini che per la complessità della storia in sé. Davvero splendido.

    RispondiElimina

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')