domenica 12 novembre 2017

Yamato 2199 - #Serie #Cartoon #Recensione

Glauco Silvestri
Il box con le prime 13 puntate della serie
Come ben sapete, Starblazers fu uno dei miei cartoni animati preferiti quando ero fanciullo. Non è un caso che, molti anni più tardi, ho trovato anche l'occasione di scrivere una short-novel dedicata a quel cartoon (n.d.r. La trovate gratis qui, o la potete scaricare direttamente cliccando qui, ovviamente per Kindle, ma senza DRM, e di conseguenza convertibile in qualunque formato grazie a Calibre)... E non è un caso che oggi torni a parlare di questo cartone animato, perché - nel 2012-  uscì nuovamente la prima serie in versione completamente ridisegnata, e da qualche tempo questa serie è disponibile su Amazon Prime Video... 
Figuratevi se non me la sono guardata tutta dalla prima all'ultima puntata!
La saga, come ho già detto, è stata ridisegnata completamente. Integra in modo molto convincente i disegni bidimensionali classici con rendering tridimensionali dei mezzi meccanici. La ricerca del dettaglio, dei funzionamenti, di ogni componente tecnica è davvero sopraffino, ma ciò che più colpisce è che questo progetto, è che la trama è stata raffinata, resa più adulta, più pulita, ed estremamente godibile sia da chi conosce le origini di questa saga, sia da chi vi si approccia per la prima volta.

Per dovere di cronaca, è necessario che vi spieghi cosa accade in questa serie di 26 episodi. Siamo nel duemilacentoqualchecosa, il pianeta Terra vive un periodo abbastanza sereno ove tutte le nazioni collaborano pacificamente tra loro per la colonizzazione del sistema solare. Serenità che però non è destinata a durare, perché sui confini dell'orbita di plutone compare una flotta di navi sconosciute. Sono navi provenienti dall'impero di Gamilas, navi pesantemente armate, e ovviamente scocca la scintilla. Il primo scontro vede distrutta completamente la flotta terrestre. La guerra diventa intensa, e le colonie terrestri crollano l'una dopo l'altra. E' solo con grandi sacrifici che la Terra riesce ad arrestare l'avanzata di Gamilas all'altezza di Marte. Ma se gli scontri nello spazio trovano un equilibrio difficile da rompere, ecco che il pianeta Terra comincia a subire un bombardamento di meteore radioattive. Bastano pochi mesi affinché il suolo terrestre diventi inabitabile. I pochi superstiti si rifugiano disperatamente nel sottosuolo, ma nessuno crede più che il conflitto tra Terra e Gamilas possa avere un esito positivo.
Il box contenente le altre 13 puntate
E' in questo frangente che arriva un insperato messaggio da un lontano pianeta Iscandar. Questo messaggio arriva dalla regina di Iscandar, Starsha, la quale offre ai terrestri una tecnologia per poter raggiungere il pianeta amico, e poter prendere un potente dispositivo capace di ripristinare la vita sulla Terra. Di nascosto, i terrestri cominciano a lavorare alla costruzione di una nave che possa affrontare il viaggio, e che possa resistere agli attacchi delle truppe di Gamilas, visto che viaggerà completamente da sola. Le risorse rimaste sono poche, ma tutti i paesi fanno enormi sacrifici affinché la nave possa vedere la luce. Alla base di questa nave c'è la struttura di una antica corazzata giapponese, la Yamato, ma all'interno viene allestito un mix tra il meglio della tecnologia umana e ciò che viene fornito da Iscandar, tra cui un motore in grado di permettere i salti nell'iperspazio, e di fornire sufficiente energia per un cannone capace addirittura di distruggere un pianeta intero.
E' nel 2199 che la Yamato comincia il suo viaggio, un viaggio che dovrà durare meno di un anno, perché ormai le risorse umane sono al limite, e la sopravvivenza della specie non potrà resistere più di altri 365 giorni terrestri.

Come ho anticipato, la vicenda viene raccontata in modo più maturo e meno stereotipata. I terrestri non sono assolutamente buoni, Gamilas non è assolutamente cattiva, e Iscandar non è così angelica. Molto della serie classica è stato tagliato, e ora la narrazione è più lineare e ben costruita. C'è persino spazio per approfondire le vite di molti membri dell'equipaggio, e di conseguenza per non focalizzare interamente l'attenzione su Susumu Kodai, che comunque rimane la figura di riferimento di tutta la vicenda. Non voglio ovviamente fare spoiler eccessivi, ma è interessante il nuovo approccio, e credetemi, c'è da rimanere sorpresi su alcune rivelazioni che vengono svelate durante il lungo viaggio della Yamato, nonché su alcuni eventi che potrebbero - ipoteticamente - modificare totalmente quanto è già stato scritto su questa storia.

C'è solo un piccolo difetto in tutto questo castello. Parlo di castello perché l'elemento spirituale non è assente da questa vicenda. Ai giapponesi deve piacere molto l'inserimento di fattori che esulino dall'epopea umana, dalla realtà, e dalla fisicità degli elementi. E così, sia all'andata, sia al ritorno, le carte vengono mescolate un pochino troppo con l'aggiunta di questi fantasmi, o spiriti, che seppur siano integrati nella narrazione in modo armonico, fanno un po' cadere la credibilità di un costrutto estremamente plausibile.

Nell'insieme, però, questa serie è davvero un gioiellino! Ve la consiglio di cuore.

Qui trovate i blueray/dvd: box 1, box 2.


Volendo, se avete un abbonamento Amazon Prime, potreste anche guardarvelo in streaming, partendo con un click qui.

Scopri i miei ebook cliccando QUI




About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')