giovedì 19 ottobre 2017

Whiplash - #Film #Recensione

Glauco Silvestri
Ma è un film di musica o una pellicola ispirata a Full Metal Jacket

Whiplash racconta la storia di Andrew, che studia batteria Jazz nella più prestigiosa scuola musicale di New York. E' il suo primo anno e viene notato immediatamente dal migliore insegnante dell'istituto. Viene scelto per la sua orchestra, e torturato, messo sotto pressione, portato sul baratro, pur di ottenere i risultati voluti dal suo mentore... Finché un trombettista famoso, uscito dalla medesima scuola e in preda a una forte depressione, si uccide. E ovviamente i genitori incolpano il suo insegnante di quanto è successo... Andrew sarà quindi messo in mezzo, e convinto a testimoniare sui metodi poco ortodossi dell'insegnante.

Tre Oscar, una buona interpretazione, e della buona musica sono sufficienti a fare un bel film? 
Di sicuro il film si guarda volentieri, appassiona, e tiene incollati allo schermo. Ottime le interpretazioni, discreta la fotografia, e la regia è piuttosto convenzionale. Anche la trama è un qualcosa di già visto in altre situazioni.
Stona persino la citazione 'Palla di Lardo' che immediatamente proietta il pensiero al film di Kubrik, perché il rapporto studente-professore non è poi così distante da quello recluta-sergente che abbiamo visto nell'altro film. Tutti i personaggi, a parte ovviamente Andrew e il professore, sono bidimensionali e incapaci di creare una certa alchimia con lo spettatore, persino Nicole, la ragazza con cui Andrew esce per qualche tempo.

Non so. Ci sono molti elementi positivi, e altrettanti elementi che non convincono. Voi l'avete visto? Che ne pensate?


Volendo, se avete un abbonamento Amazon Prime, potreste anche guardarvelo in streaming, partendo con un click qui.

Scopri i miei ebook cliccando QUI



About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')