sabato 7 ottobre 2017

The Walk - #Film #Recensione

Glauco Silvestri
Robert Zemeckis ha fatto un lavoro sopraffino con The Walk. Il film ci racconta le vicende di un funambolo - Philippe Petit - con il sogno di poter fare una passeggiata su un filo tirato tra le cime delle Torri Gemelle a New York. Storia semplice, per certi versi, che però racconta in modo esemplare il coraggio, il desiderio, la passione, l'ambizione... Racconta un sogno che si avvera, un gesto atletico unico, la forza di una persona che ha superato tutte le difficoltà possibili per realizzare il suo sogno.

Tutto avviene il 7 agosto del 1974, ma la storia di Petit è più lunga, perché lui è un funambolo autodidatta, e così la narrazione comincia molto tempo prima, quando Petit era un bambino, e del suo amore per i funamboli nato dopo averne visto uno all'opera in uno spettacolo circense.
E da una corda tirata tra due alberi nel giardino di casa, Petit arriva al World Trade Center. Sono 417 metri e mezzo d'altezza, per una distanza di 42 metri e mezzo... Il tutto su un cavo d'acciaio tirato tra le due cime delle torri, e un'asta a cui aggrapparsi per l'equilibrio. Che impresa incredibile!
Su Wikipedia potete leggere qualche info in più su questo funambolo eccezionale, mentre per quanto riguarda il film, la regia è perfetta.

C'è ironia, c'è emozione, ci sono inquadrature mozzafiato. Joseph Gordon-Levitt è perfetto nei panni del giovane Petit. E' un film davvero unico nel suo genere, e non posso che consigliarvelo, davvero... E' un film da vedere!



Volendo, se avete un abbonamento Amazon Prime, potreste anche guardarvelo in streaming, partendo con un click qui.

Scopri i miei ebook cliccando QUI



About the Author

Glauco Silvestri / Author & Editor

Vivo a Bologna. Vivo per le mie passioni. Scrivo, leggo, amo camminare. Adoro il cinema, amo tantissimo le montagne. Sono cresciuto a suon di cartoni di Go Nagai e Miyazaki.
Mi guadagno da vivere grazie all'elettronica. Lavoro nella domotica, e nell'illuminazione d'emergenza, per una grossa azienda italiana. Ci occupiamo di sicurezza, salute, emergenza... ma anche di energia pulita. Il mio sogno sarebbe vivere grazie ai miei libri, ai miei disegni, alle mie fotografie... Ma onestamente, suppongo di essere più bravo nel mio attuale lavoro. Ciò non significa che io rinunci a provare, tutt'altro, faccio di tutto per migliorare, crescere, ottenere il meglio che posso nei miei lavori, che siano racconti, digital painting, fotografie...
Ovviamente, oltre a ciò, sono anche un blogger, ma se state leggendo questa breve nota, vuol dire che già lo sapete.

0 commenti:

Posta un commento

Post Recenti



Powered by Blogger.

Popular Posts

Cerca sul Blog

')